.
Annunci online

ordinenuovo
DOCUMENTI PER SFATARE, IGNORANZA, MALAFEDE, PREGIUDIZIO , PRECONCETTO, CARRIERISMI, DIKTAT DI OGNI SORTA E DI OGNI DOVE, FALSITA'
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 206575 volte



"Non è mai morto
ciò che è eterno"

PREMESSA
10 febbraio 2008
Proporre all'opinione pubblica -a magistrati, giornalisti, storici, politici, alle istituzioni- dei documenti autentici ed originali elaborati nel tempo da Ordine Nuovo nelle diverse fasi della sua esistenza, si è reso indispensabile per il diffondersi canagliesco di ricostruzioni "storiche" assolutamente fantapolitiche, e delle peggiori, che non hanno neppure la caratteristica della credibilità se sottoposte ad un minimo di analisi ideologica, dottrinaria, storica, politica.

Quanti hanno dedicato poco o tanto del loro tempo a ricucire elementi di fantasia, nel tentativo infantile e maldestro di attribuire a Ordine Nuovo la responsabilità della strategia della tensione, delle stragi ed in generale della violenza politica in Italia, hanno dimostrato soltanto di non essere dotati neppure del più elementare buon senso, della più elementare coerenza ricostruttiva ed interpretativa.

Non ci risulta una qualche ricostruzione storica aprioristicamente antifascista che si sia posta il problema della ricerca su del materiale di documentazione originale. Siamo d'accordo su un punto: non è facile reperire questo materiale, perché la repressione del sistema democratico -durata anni e non ancora finita- ha pensato bene di appropriarsi indebitamente, sequestrandolo, della maggior parte del materiale di documentazione in possesso di dirigenti e militanti di Ordine Nuovo -nel corso delle centinaia di perquisizioni effettuate quasi sempre per ordine di magistrati politicizzati- trasferendolo nei sotterranei delle Procure di tutta Italia.

Questo è un fatto, perchè, nel corso delle suddette perquisizioni, ai criminali di Ordine Nuovo non sono state sequestrate armi, esplosivi, piani di battaglia, progetti eversivi, ma essenzialmente libri, riviste, documenti politici programmatici, opuscoli, memorie, lettere, riviste, giornali, manifesti, volantini, musica, elaborati nel corso di due decenni di attività politica sempre svolta alla luce del sole.

É un fatto che le condanne comminate a militanti di Ordine Nuovo, quelli effettivamente facenti parte del Movimento, si sono basate su motivazioni politiche ed ideologiche, mai su fatti di sangue o di grave violenza. Se qualche episodio di violenza può esserci stato, sempre lo è stato come risposta ad una violenza subita, ed in assenza della giustizia e dell'intervento delle forze dell'ordine, e sempre in presenza del linciaggio politico e morale dei mezzi di comunicazione di massa del regime democratico. Questo Blog prelude

l’"Antologia Ordinoviana - Idee in Movimento per l'Ordine Nuovo", che, è un augurio, vedrà la luce per iniziativa di Salvatore Francia che, negli anni di vita di Ordine Nuovo (ed oltre...), ha vissuto gli avvenimenti dall'interno anche se, inevitabilmente, dal punto di vista che gli consentiva il fatto di operare a Torino e, sia pure limitatamente, in Piemonte, come in quello istruito da Vittorio Occorsio nel 1973 a Roma (detto dei 119: Salvatore Francia+118) e risoltosi nel 1988 con l’assoluzione degli imputati.

In particolare è un fatto che mai, in Piemonte, si è verificato un solo episodio di violenza o di provocazione, sia pure di portata insignificante, che si possa riportare all'attività dei militanti del Centro Politico prima e del Movimento Politico Ordine Nuovo poi, fino allo scioglimento e dopo lo scioglimento.

Questa verità fu confermata anche in sede processuale, nel procedimento penale istruito da Luciano Violante a Torino, anche da Ufficiali di Polizia e dei Carabinieri, chiamati a testimoniare.

Dalla lettura dei documenti proposti, in un insieme non certo completo a causa delle difficoltà di reperimento dei testi per i motivi cui si è accennato, salta agli occhi in tutta la sua evidenza un percorso di coerenza senza eguali da parte di quanti hanno identificato la propria esperienza politica con la vita di Ordine Nuovo.

Accusare Ordine Nuovo di essere stato in un qualche modo complice dei servizi segreti U.S.A., N.A.T.O., nazionali o di qualsiasi altro Paese, ed implicitamente del loro criminale operato, è quanto di più demenziale possa aver partorito vigliaccheria e malvagità umana, se di uomini si può ancora parlare!

Sulla base di questa realtà siamo disposti ad affrontare qualsiasi dibattito con chiunque abbia interesse a far luce sugli episodi che hanno visto partecipe Ordine Nuovo. Siano essi sacerdoti della politologia antifascista, che magistrati addetti ai lavori. Documenti alla mano. Non intendiamo sentir parlare di maniaci, di supposti infiltrati, di provocatori o di personaggi che mai hanno fatto parte di Ordine Nuovo, come Vincenzo Vinciguerra, che sulle loro fantasie hanno cercato di dare una qualche giustificazione alla propria esistenza.

Non ci interessano, se non agli effetti di una difesa in sede giudiziaria, le dichiarazioni maniacalmente fantastiche di testimoni di comodo alla ricerca di una qualche giustificazione al proprio autonomo operato.

Con la nuova legge sulla "privacy" speriamo altresì di poter conoscere almeno in parte le cretinate registrate nei dossiers dei diversi servizi segreti.

Speriamo di potere, nel tempo, ampliare il panorama dei documenti facenti parte del patrimonio politico e culturale di Ordine Nuovo: è un compito immane, come immane è la quantità del materiale prodotto.

Diversi Governi, di ogni colore, si sono succeduti alla guida della Nazione. Maggioranze e opposizioni si sono alternate ripetutamente, ma nessun Governo ha avuto l’ardire di togliere il segreto di Stato su gravissime vicende che hanno sconvolto l’Italia in questo secondo dopoguerra. Appare evidente che nessun Governo lo può fare, perché tutti i Governi sono ancora sotto la tutela degli Stati Uniti, essendo ancora vigente, in quasi tutte le sue clausole il Trattato di Pace. Ogni Governo, di qualsiasi colore, per governare deve avere il placet degli Stati Uniti. Perfino nell’analisi del debito pubblico molto probabilmente troveremmo ancora il lascito dei danni di guerra (!!!), rimborsi per il Piano ERP e Piano Marshall, interessi compresi!

L’Italia continua ad essere una Nazione a sovranità limitata.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. disclaimer premessa

permalink | inviato da diogene37 il 10/2/2008 alle 18:30 | Versione per la stampa
sfoglia
       marzo