.
Annunci online

ordinenuovo
DOCUMENTI PER SFATARE, IGNORANZA, MALAFEDE, PREGIUDIZIO , PRECONCETTO, CARRIERISMI, DIKTAT DI OGNI SORTA E DI OGNI DOVE, FALSITA'
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte



"Non è mai morto
ciò che è eterno"

POLITICA
CON IL M.P. ORDINE NUOVO
18 febbraio 2008
  CON IL M.P. ORDINE NUOVO

Torna l'entusiasmo e la volontà di impegnarsi sempre più a fondo nell'azione politica. Malgrado le enormi difficoltà organizzative -quasi un collasso- seguite all'operazione Rauti-Almirante, si ricostituiscono le Reggenze Provinciali, si ricostruisce il movimento, si avvia la pubblicazione del periodico "Ordine Nuovo azione": distribuzione militante ma anche nelle edicole delle 30.000 copie di tiratura, con risultati esaltanti. Il finanziamento é garantito dall'impegno di tutte le Reggenze provinciali a ritirare e pagare un certo numero di copie. Si organizzano convegni e conferenze, si sviluppa un'azione di propaganda senza precedenti, si tengono comizi.

All'interno del M.S.I., nel frattempo, Rauti pubblica la rivista "Ordine Nuovo" che, nel secondo numero, riporta una bozza di "Costituzione per lo Stato dell'Ordine Nuovo": questo lavoro, coordinato da Rutilio Sermonti, é il primo ed unico tentativo di formulazione di una Costituzione alternativa che si possa registrare nel secondo dopoguerra. Non é completa, viene rimandato l'approfondimento della parte relativa all'organizzazione dell'economia, della produzione, della socializzazione. Clemente Graziani ritiene che questa Costituzione dovrebbe essere "più rivoluzionaria, sfrondata di qualche residuo borghese che vi si intravvede", mentre Adriano Romualdi, con un suo intervento sul terzo numero della rivista, la vorrebbe più incisiva sul piano etnico-razziale.

Con la progressiva affermazione del M.P.Ordine Nuovo, Rauti cessa le pubblicazioni della sua rivista e si dissocia ufficialmente -con un atto notarile, per quando viene comunicato- dall'operato del movimento guidato da Graziani.

Sicuramente Rauti subisce delle pressioni, e dal suo punto di vista ritiene di doverle accettare.

Il "sistema" adotta immediatamente azioni difensive, della messa in opera delle quali si incarica la Procura della Repubblica di Roma, istruendo un procedimento penale sulla base dell'accusa di "Tentata ricostituzione del disciolto partito fascista". L'accusa rasenta i limiti della demenza politica, oltre a stravolgere i più elementari principi di diritto: il Pubblico Ministero, dott. Vittorio Occorsio, deve tirare in ballo addirittura il Trattato di Pace ed afferma testualmente: "Non possiamo aspettare che questo movimento prenda il potere prima di metterlo fuori legge". Il M.P.Ordine Nuovo produce la memoria "Processo alle idee", di Clemente Graziani, mentre tutti gli imputati -quelli che effettivamente facevano parte del movimento- si rifiutano di rispondere alle domande della corte, limitandosi a declinare le proprie generalità accompagnate dalla posizione di "militante" o di "dirigente", rasentando l'oltraggio alla Corte.

Gli avvocati si battono da leoni, ma tutti sanno che ogni difesa é inutile, poiché dietro il processo esiste la precisa volontà politica di sbarazzarsi di un movimento che comincia a diventare ingombrante e, politicamente, potenzialmente pericoloso, visto che dimostra eccellenti qualità di mobilitazione, specialmente a livello giovanile.

Il 21 novembre 1973 viene emessa la sentenza di condanna in primo grado: fuori del Tribunale, in Piazzale Clodio, attende un carabiniere motociclista, deve ritirare una busta per il Ministro dell'Interno Paolo Emilio Taviani, già fascista e convittore gratuito al Collegio Mussolini di Pisa, borsista nella Germania hitleriana ma in seguito partigiano, quindi presidente del Corpo Volontari della Libertà. Procedura d'urgenza. Il 23 novembre viene ufficializzato con decreto che il Movimento Politico Ordine Nuovo é fuori legge, le sue sedi chiuse, i suoi beni sequestrati.

Visto l'andamento processuale la sentenza di condanna in primo grado era attesa: si pensava che ci sarebbe stato tempo di preparare una più incisiva difesa in sede di appello, di Cassazione, di Strasburgo.

Il decreto di Taviani, rendendo esecutiva una sentenza di primo grado, caso unico in tutta la storia giudiziaria italiana, e non solo italiana, blocca qualsiasi iniziativa difensiva: se ci si dovesse incontrare per studiare, per coordinare la difesa...arriverebbe -come arriveranno- altre accuse di "ricostituzione" (come avvenuto per la riunione di alcuni imputati e dei propri avvocati, a Cattolica, nel marzo del 1974).

Il Governo incarica il dottor Provenza, della Questura di Roma, di raccogliere in un rapporto tutti i procedimenti penali in corso contro militanti ordinovisti (o presunti tali...) presso le diverse Procure nazionali.

Nasce il cosiddetto "Rapporto Provenza", sulla cui base viene aperto, sempre a Roma, un altro procedimento penale -sempre per "tentata ricostituzione del disciolto partito fascista" contro "Salvatore Francia più 118".

Ci vorranno 15 anni perché il Tribunale accetti di riconoscere la validità dell'art. 90 del codice di procedura penale, che non consente di processare due volte gli imputati per lo stesso reato. Solo nel 1988 si può chiudere il secondo processo contro il M.P. Ordine Nuovo.

In Italia é diventato impossibile potersi difendere a titolo personale da accuse mosse al Movimento.

A quanti restano viene diramata la disposizione, già tacita, di non prestare assolutamente il fianco a possibili provocazioni: nessuno é autorizzato ad operare, tutti devono astenersi da un qualsiasi tipo di reazione.

Verranno tempi migliori. La storia non ha fretta. Come sempre ha sostenuto Clemente Graziani, non si può pensare a "prendere il potere": in questa fase storica il nemico é troppo forte, non ci si può porre dei limiti temporali...forse se ne riparlerà fra 50, 100, 500 anni. Cosa importa?

Si apre la stagione delle accuse più assurde e strampalate, dei processi farsa, delle carcerazioni, dell'esilio per quanti ritengono di dover continuare, se non altro sul piano della difesa processuale e storica, a tenere alte le motivazioni ideali dell'esperienza ordinovista.

I processi non si contano: qualsiasi reato più o meno connesso con la politica, con la strategia della tensione, perfino reati comuni, é buona norma attribuirlo agli ordinovisti. Passeranno anni, tanti anni perché -almeno a livello giudiziario- potrà risultare che i militanti del M.P.O.N. non sono mai stati coinvolti in fatti di sangue, in reati comuni, nella strategia della tensione. Diverso é il discorso sui condizionamenti che i media hanno costruito in accordo con il potere giudiziario, in ossequio ed obbedienza al potere politico (palese ed occulto): questo sarà estremamente difficile, forse impossibile, sradicarlo dalle coscienze di chi ha subito un martellante, incessante, pluridecennale lavaggio del cervello.

Una domanda si é posta nel tempo: Quale la decisione giusta?

Quella presa da Rauti che, malgrado i mille condizionamenti, é riuscito a sopravvivere ed a fare sopravvivere una certa Weltanshaung ordinovista, o la decisione degli intransigenti, fatti a pezzi dalla repressione del Sistema, e sopravvissuti nella loro solitudine umana, isole di riferimento sì ma non operativi politicamente?

Viene alla mente un'altra esperienza simile, quella della Falange Spagnola: quale la via giusta? Quella dell'integrazione accettata da Raimundo Fernandez Cuesta o quella pura ed intransigente di Manuel Hedilla?

sfoglia
       marzo